Goalkeeper, il due contro uno di Alisson Becker

Norwich city – Liverpool 0-1

In questo nuovo articolo analizzerò il due contro uno di Alisson contro il Norwich a Carrow road, gesto tecnico di notevole importanza considerando che la squadra di Klopp vincerà solo per uno a zero. Parlando di questa parata mi concentrerò ovviamente sulla tecnica che ha permesso ad Alisson di effetuare questa chiusura, ma più precisamente vorrei parlare delle scelte che stanno dietro a questo intervento.

Con questo intervento non abbiamo di fronte una parata che risalti come un miracolo, infatti sembra quasi un intervento banale e molti potranno anche pensare che è stato più un errore dell’attaccante che bravura di Alisson, dal mio punta di vista invece ciò che ha fatto la differenza sono state le scelte prese dal portiere brasiliano, il quale ancora una volta ha dimostrato di essere uno dei migliori del mondo.

Analizzando la parata tecnicamente bisogna partire dalla lettura del lancio di Alisson, perchè il portiere non ha un atteggiamento passivo di attesa, ma appena l’attaccante effettua lo stop Alisson è subito pronto a chiudere lo specchio, perciò la prima preoccupazione del portiere è accorciare sull’attacante. Fino a questo punto penso che ogni portiere avrebbe reagito in ugual modo, ma ciò che reputo eccezionale è ciò che Alisson ha fatto poco dopo, ovvero nel momento nel quale l’attaccante doveva decidere se calciare o passare il pallone al proprio compagno.

Dopo lo stop dell’attaccante Alisson è perfettamente in posizione in modo tale da poter coprire lo specchio della porta, ora arriva il momento chiave, ovvero la scelta del portiere di rimanere in piedi e seguire con il corpo lo spostamento del pallone, da notare è il tipo di spostamento, non parallelo alla linea di porta, ma bensì in diagonale così da accorciare il campo per un eventuale passaggio al compagno vicino ed inoltre accorciare sull’attaccante per un eventuale tiro.

Ciò che penso è che Alisson questa parata l’abbia compiuta prima del effettivo intervento. Il movimento decisivo è stato sicuramente questo spostamento in diagonale verso il portatore di palla del Norwich, il quale successivamente gli ha consentito di intercettare il passaggio. In questo intervento notiamo quindi la capacità di attesa di Alisson, dettata da una grandissima lucidità nell’analizzare in modo perfetto la situazione che stava per affrontare.

Questa parata è il risultato di allenamenti specifici nel capire come comportarsi davanti ad una situazione possiamo dire quasi disperata, inoltre per concludere si nota da questo atteggiamento come sia influente nel modo di giocare di Alisson la scuola di portieri italiana, sarebbe strano non vederlo dopo essere stato allenato a Roma da Marco Savonari.

Goalkeeper analysis

Nicola Comini

Published by Goalkeeper analysis

Nato a Mantova - collaboratore della Gazzetta di mantova- studente università deglo studi di ferrara di scienze motorie

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: